Domenica 31 luglio

«Sei tu, Signore, la guida del tuo popolo»: riconoscere a Dio questo primato non significa disprezzare o annullare l’autorità di quanti, nel mondo, sono chiamati a responsabilità di gover­no. Possiamo così comprendere pienamente il senso delle parole di Gesù: «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». «Il tributo a Cesare va pagato, perché l’immagine sulla moneta è la sua; ma l’uomo, ogni uomo, porta in sé un’al­tra immagine, quella di Dio, e pertanto è a Lui, e a Lui solo, che ognuno è debitore della propria esistenza. I Padri della Chiesa hanno interpretato questo passo alla luce del concetto fonda­mentale di uomo immagine di Dio».
(Be­nedetto XVI)

Clicca sul tasto qui sotto per scaricare il foglietto
con le letture della Santa Messa.


Clicca sulla copertina per scaricare
il PDF del libretto dei canti.